Mercoledì, 02 Dicembre 2020

Vertenze di lavoro: rigore matematico per contestare i conteggi in causa

Pubblicato in Sentenze

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 20844/2015, chiede rigore matematico nella contestazione dei conteggi di lavoro: il risarcimento per illegittimità del licenziamento non si calcola in maniera orientativa

 

Infatti, secondo la Suprema Corte, non sono ammesse contestazioni generiche: “questa Corte (Cass. n. 4051 del 18/02/2011, Cass. n. 10116 del 18/05/2015), secondo il quale nel rito del lavoro, il convenuto ha l'onere della specifica contestazione dei conteggi elaborati dall'attore, ai sensi degli artt. 167, primo comma, e 416, terzo comma cod. proc. civ., e tale onere opera anche quando il convenuto contesti in radice la sussistenza del credito, poiché la negazione del titolo degli emolumenti pretesi non implica necessariamente l'affermazione dell’erroneità della quantificazione, mentre la contestazione dell'esattezza del calcolo ha una sua funzione autonoma, sia pure subordinata, in relazione alle caratteristiche generali del rito del lavoro, fondato su un sistema di preclusioni diretto a consentire all'attore di conseguire rapidamente la pronuncia riguardo al bene della vita reclamato. Ne consegue che la mancata o generica contestazione in primo grado rende i conteggi accertati in via definitiva, vincolando in tal senso il giudice, e la contestazione successiva in grado di appello è tardiva ed inammissibile”.

 

Con la nostra associazione, sia in sede che online (tutta Italia) è possibile ottenere conteggi di lavoro a tariffe agevolate, dettagliati e producibili in giudizio: clicca qui per richiedere il conteggio online, oppure scrivici a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Per appuntamenti il numero è lo 06.45433408: SCEGLI LA PROFESSIONALITA' e L'AFFIDABILITA' DEL NOSTRO ENTE.

Puoi inoltre affidarti all'esperienza del nostro Sportello Lavoro per le consulenze legali