Domenica, 24 Settembre 2017

Sportello Lavoro

Avvocato del Cittadino al Tg3 racconta un caso dello Sportello Lavoro
'Avvocato del Cittadino' ha attivato presso la propria sede lo SPORTELLO LAVORO
 
Potrai rivolgerti a noi per:
 
  • Lavoro nero - Demansionamento - Differenze retributive
  • Mancata corresponsione retribuzione – TFR - Calcolo del TFR - Anticipo Tfr
  • Licenziamento- licenziamento per giusta causa -Dimissioni - dimissioni per giusta causa
  • Infortunio sul lavoro e Maternità - Contestazione disciplinare - Lettere richiamo

  • Fondo di garanzia Inps
 
 

Demansionamento,

cos'è?

 

E' la modifica della mansione, con l'assegnazione di incarichi di minore responsabilità.

Con il Jobs Act, è diventato "lecito" spostare il lavoratore a mansioni di livello inferiore alla luce di esigenze tecniche e organizzative dell'azienda e di conservazione del posto di lavoro, purché sia mantenuta al dipendente la stessa retribuzione acquisita nel corso dell'attività lavorativa.

 

Dimissioni per giusta causa,

cosa sono?

 

L' articolo 2119 del codice civile stabilisce che, in presenza di una giusta causa, il dipendente può recedere dal rapporto lavorativo (dimettersi) senza preavviso e senza che gli venga richiesta alcuna indennità di mancato preavviso da parte del datore di lavoro.
Il datore di lavoro dovrà invece corrispondere al lavoratore una indennità sostitutiva del preavviso (e un eventuale risarcimento monetario per danni morali e/o psicologici)
 
Costituiscono giusta causa: ingiustificato demansionamento, mancata corresponsione dello stipendio, omesso versamento dei contributi, mancata regolarizzazione contributiva, mobbing e vessazioni, condotte discriminatorie o lesive della reputazione, violenze, coinvolgimento del dipendente in attività illecite, inosservanza di norme sulla sicurezza, spostamento della sede di lavoro senza alcuna giustificazione

 

 Licenziamento per giusta causa,

cos'è?

 

Sempre l'articolo 2119 del codice civile prevede le condizioni per il licenziamento per giusta causa.
In linea generale, possiamo dire che esso è disposto dal datore di lavoro quando il lavoratore realizza comportamenti disciplinarmente rilevanti così gravi da non consentire anche in via provvisoria la prosecuzione del rapporto di lavoro. 
Anche in questo caso, non è necessario il preavviso.
I contratti collettivi elencano generalmente le ipotesi ed i fatti ritenuti tali da costituire giusta causa di licenziamento.
Prima della riforma Fornero, in caso di licenziamento illegittimo, il lavoratore doveva essere reintegrato.

 

Ad oggi, per i dipendenti con contratto a tempo indeterminato prima del 7 marzo 2015 valgono le seguenti garanzie:

  • se il licenziamento per giusta causa viene intimato da un datore di lavoro che supera le soglie dimensionali previste dall’art. 18 della legge 300/1970, si applica la tutela prevista da tale norma, così come modificata dalla riforma del mercato del lavoro del 2012: in caso di insussitenza del fatto o di comportamento punibile con sanzione conservativa, il lavoratore può essere reintegrato
  • al di sotto del numero dei dipendenti previsti dall'art. 18, al dipendente illegittimamente licenziato spetta un indennizzo economico.
Per i lavoratori assunti dopo il 7 marzo 2015, il decreto legislativo 23/2015 ha sostanzialmente ridotto le ipotesi in cui il giudice può ordinare la reintegrazione nel posto di lavoro del dipendente che sia stato licenziato illegittimamente. In giudizio, viene meno la considerazione dell'eventuale sproporzione del licenziamento ma deve essere dimostrata l'insussistenza del fatto materiale contestato al lavoratore e che ha portato, appunto, al licenziamento, per avvenire il reintegro.

 

Licenziamento per giustificato motivo soggettivo,

cos'è?

 

Avviene quando il dipendente compie comportamenti disciplinarmente gravi, ma non così gravi da comportare il licenziamento per giusta causa, e cioè senza preavviso.
Costituisce giustificato motivo soggettivo anche lo scarso rendimento e/o del comportamento negligente del dipendente.

 

Licenziamento per giustificato motivo oggettivo,

cos'è?

 

Avviene  “per ragioni inerenti all’attività produttiva, all’organizzazione del lavoro e al regolare funzionamento di essa”.
In sostanza, c'è un'oggettiva crisi dell'azienda e non è possibile il ricollocamento del dipendente.
La riforma del 2012 ha ricondotto all’area del licenziamento per motivi oggettivi anche le ipotesi del licenziamento per superamento del periodo di comporto (malattia) e del licenziamento per inidoneità fisica o psichica del lavoratore.

 

Esperti avvocati ti offriranno tutte le informazioni di cui hai bisogno, devi solo diventare nostro socio. L'Associazione Avvocato del Cittadino ha siglato una convenzione con il Caf Confsal ed offre ai propri soci la possibilità di effettuare conteggi di lavoro. I nostri conteggi sindacali sono producibili in giudizio.
 
VUOI OTTENERE I CONTEGGI DI LAVORO ON LINE A TARIFFE AGEVOLATE? Clicca qui

CONTEGGI DI LAVORO

In convenzione con il CAF CONFSAL

TIPOLOGIA COSTI
Tutte le tipologie di contratto lavoratori dipendenti 25 Euro + iva ad anno
Speciale Colf e Badanti 18 Euro + iva ad anno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leggi anche:

 

Avvocato del Cittadino, sfruttati sul lavoro parte quarta

 

 

Sara, umiliata e sfruttata sul lavoro per 6 anni si affida ad Avvocato del Cittadino

 

 

Sportello giovani

 

 

Illusorie promesse di conseguimento titoli: inchiesta Avvocato del Cittadino

 

 

Lavorare nello spettacolo: attenzione ai casting truffa

 

 

Infortunio sul lavoro: indennizzo Inail e risarcimento del danno differenziale

 

Licenziamento individuale per riduzione del personale: 3 cose da sapere

 


 SPECIALE SOS GIOVANI SFRUTTATI SUL LAVORO 


Sempre più giovani e giovanissimi si rivolgono all'Associazione 'Avvocato del Cittadino' raccontando storie di sfruttamento sul lavoro. Storie spesso dal sapore amaro, che sanno di maltrattamenti. Di turni disumani. Di festività inesistenti. Per questo, l'associazione ha creato uno spazio ad hoc, uno sportello interamente dedicato ai giovani con problemi sul lavoro, attivo il lunedì ed il giovedì pomeriggio, dalle 16,00 alle 19,00, che riceve su appuntamento.


Ovviamente l'ente offre tutela e informazioni a tutti i soci con problemi sul lavoro, indistintamente dall'età, ma ha pensato di dedicare uno spazio specifico ai più giovani per non far scadere le loro speranze nella disillusione rispetto ad un mondo, quello del lavoro appunto, sul quale, appena usciti da scuola o dalle università, puntano tutto in termini di ambizione. E di dignità!


Abbiamo seguito il caso del 19enne che veniva chiuso in pausa pranzo in ufficio:   

lavoro vertenza sfruttato roma nero


E poi il caso del ventiseienne che affrontava quotidianamente turni di lavoro di 12 ore al giorno (o alla notte) per 6 giorni a settimana: 

 lavoro nero non paga stipendio e tfr

 


Se anche tu hai una situazione analoga e cerchi un avvocato-del-lavoro a Roma che ti sappia dare i giusti consigli, considera che


L'Associazione è a disposizione di tutti coloro che hanno bisogno di consigli e informazioni su come muoversi per far valere propri diritti sia per la richiesta ai datori di lavoro di DIFFERENZE RETRIBUTIVE che di RISARCIMENTO DEL DANNO per le mortificazioni subite.

Un esperto avvocato del lavoro ti riceverà per offriti le informazioni necessarie per la tua tutela: chiamaci allo 06.45433408 o vieni a trovarci a Roma, in via dei Fulvi n. 49

Da noi trovi i migliori avvocati del lavoro  (zona tuscolana, prati, eur, castelli romani, roma) per le tue consulenze per avere consigli per vertenze di lavoro - tassazione tfr