Domenica, 24 Settembre 2017

Disabili: azione assistenza indiretta

Disabili,allarme assistenza: "Il Comune chiede alle famiglie di pagare in anticipo"
Disabili, assistenza indiretta:il Comune chiede pagamento in anticipo
 
CONTRO QUESTA DISCRIMINAZIONE, AVVOCATO DEL CITTADINO LANCIA AZIONE COLLETTIVA: LE FAMIGLIE DEI SOGGETTI COINVOLTI STANNO RACCOGLIENDO LE ADESIONI
SE VUOI UNIRTI A NOI SCRIVICI A Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. E INVIACI I TUOI CONTATTI
 

azione collettiva assistenza indiretta avvocato del cittadino

 

Avvocato del Cittadino, insieme alle famiglie di alcuni ragazzi disabili romani, lancia un'azione collettiva contro la modifica della procedura del rimborso per l'assistenza domiciliare indiretta (S.A.V.I. - Servizio di Aiuto per la Vita Indipendente).

 

CHI NON HA REDDITO RISCHIA DI ESSERE TAGLIATO FUORI DAL SERVIZIO visto che l'atto di impegno 2016 prevede che gli utenti“devono presentare, con cadenza mensile, la rendicontazione delle spese sostenute. Il Municipio a seguito di verifica della documentazione provvede alla erogazione del rimborso con cadenza mensile.”

 

 

COME FUNZIONAVA PRIMA - Precedentemente il Comune anticipava i soldi e l'utente, trimestralmente, doveva consegnare al Municipio una rendicontazione delle spese sostenute per gli operatori.

 

 

PERCHE' LA NUOVA PROCEDURA E' DISCRIMINATORIA - Secondo la nuova procedura, i disabili dovrebbero anticipare il pagamento della retribuzione in favore degli assistenti domiciliari e, solo dopo aver presentato la rendicontazione (le buste paga) al Municipio di competenza, ricevere il contributo.Questo significa escludere dal servizio SAVI tutte le persone che non hanno alcun reddito o hanno un reddito appena sufficiente per il proprio sostentamento.

 

CONTRO QUESTA DISCRIMINAZIONE

L'ASSOCIAZIONE AVVOCATO DEL CITTADINO

HA ORGANIZZATO UN 'AZIONE COLLETTIVA

CON L'AIUTO DI ALCUNE FAMIGLIE CHE STANNO RACCOGLIENDO LE ADESIONI.

 

 

CHI VUOLE PARTECIPARE DEVE INVIARCI ALLA EMAIL info@avvocatodelcittadino.com le seguenti informazioni:

 

- NOME E COGNOME DEL SOGGETTO DISABILE E RIFERIMENTI TELEFONICI PER ESSERE RICONTATTATO

 

- ATTO DI IMEGNO ANNO 2015 E ATTO DI CONCESSIONE DEL SERVIZIO S.A.V.I.

 

 

Leggi anche:

LETTERA APERTA AI CANDIDATI A SINDACO DI ROMA

 

 

“CONTR