Venerdì, 28 Luglio 2017

Non si possono negare all’alunno disabile le ore di sostegno. Si puo' agire per rimuovere la discriminazione ed essere risarciti

Pubblicato in Sentenze

Le storie di negazione delle ore di sostegno agli studenti disabili, purtroppo, le sentiamo fin troppo spesso ai tg. Anche a noi di Avvocato del Cittadino sono pervenute varie segnalazioni. Ebbene. Reagire è possibile: in questo post brevemente vi parlo dei ricorsi per rimuovere le discriminazioni

 

COSA FARE – Se ad un alunno disabile viene negato il sostegno stabilito e dunque la possibilità di poter usufruire, al pari degli altri compagni di classe, del servizio scolastico è possibile agire in giudizio contro la discriminazione indiretta, censurabile ai sensi dell’art. 2 della L. n. 67/2006. E’ possibile richiedere al giudice non soltanto la rimozione della discriminazione ma anche un risarcimento per i danni patiti, anche di natura non patrimoniale. La Cassazione, con sentenza n. 25011/14 si è espressa sia sulla competenza del Giudice orinario (e non del Giudice amministrativo) riguardo il mancato riconoscimento delle ore di sostegno all’alunno disabile, sia sulla discriminazione:"l'amministrazione scolastica è priva di un potere discrezionale, espressione di autonomia organizzativa e didattica, capace di rimodulare o di sacrificare in via autoritativa, in ragione della scarsità delle risorse disponibili per il servizio, la misura di quel supporto integrativo così come individuato dal piano, ma ha il dovere di assicurare l'assegnazione in favore dell'alunno, del personale docente specializzato anche ricorrendo – se del caso, là dove la specifica situazione di disabilità del bambino richieda interventi di sostegno continuativi e più intensi - all'attivazione di un posto di sostegno in deroga al rapporto insegnanti/alunni, per rendere possibile la fruizione effettiva del diritto, costituzionalmente protetto, dell'alunno disabile all'istruzione, all'integrazione sociale e alla crescita in un ambiente favorevole allo sviluppo della sua personalità e delle sue attitudini".

 

COSA AVVOCATO DEL CITTADINO HA GIA’ FATTO – Avvocato del Cittadino ha già presentato ricorsi contro la discriminazione perpetrata da soggetti pubblici e privati ai danni di soggetti con disabilità. Cliccando qui puoi conoscere alcune azioni dell’associazione alla quale puoi sempre rivolgerti sia per segnalazioni, sia per tutelare i tuoi diritti.