Venerdì, 15 Novembre 2019

Condominio, umidità muri perimetrali: 2 cose da sapere

Pubblicato in Sentenze

 

Umidità di risalita, chi paga? E’ una domanda che viene posta frequentemente allo sportello condominio di Avvocato del Cittadino Associazione Astolfi. La condensa sulla facciata, le infiltrazioni di acqua sui muri di confine sono spesso oggetto di controversie.

 

 

Vediamo cosa prevede il nostro ordinamento:

 

 

1) CHI E’ RESPONSABILE- Se non sono passati 10 anni dall’ultimazione del palazzo, la responsabilità per le infiltrazioni dai muri esterni del palazzo è del costruttore; se invece i 10 anni dall’ultimazione dell’edificio sono trascorsi, la responsabilità è sempre e soltanto del condominio:  IL CODICE CIVILE, all’art 2051, prevede che il condominio ha una responsabilità da custodia, dei vizi e difetti della costruzione dell'edificio che provocano umidità e infiltrazioni nei locali di proprietà di un condomino

 

2)  CHI PAGA? Per i danni causati dalle infiltrazioni pagano tutti i condomini: i muri perimetrali del palazzo sono considerati “parti comuni”, appartenenti cioè a tutti i condomini. In proposito, la giurisprudenza stabilisce che “Ciò che conta è infatti che l'infiltrazione derivi da una parte comune (i muri perimetrali) e che il nesso causale tra il fatto (cioè l'insufficiente coibentazione/impermeabilizzazione dei muri) e l'evento (cioè l'infiltrazione) non sia stato interrotto da un intervento fatto del danneggiato (per esempio, la trasformazione da parte del condomino dei locali da magazzino ad appartamento abitabile)." Tribunale di Livorno, sentenza n. 688/ 2017)

 


Per una consulenza con avvocati esperti in diritto condominiale è possibile fissare un appuntamento chiamando allo 06. 45433408 (Tel/Whatsapp), oppure richiedere un parere online: in entrambi i casi la quota associativa è di 20 euro.

 

PER PROBLEMI CON MUFFE E INFILTRAZIONI, VISITA LA NOSTRA SEZIONE AFFITTI