Lunedì, 24 Giugno 2019

AVVOCATO DEL CITTADINO: consulenze legali anche a Cosenza, Castrovillari e Trebisacce

Avvocato del Cittadino, la nota associazione romana, nata nel 2009 a Cinecittà, uno dei quartieri più popolosi della capitale che oggi conta centinaia di migliaia di soci, arriva anche in Calabria e precisamente a Cosenza, Castrovillari e Trebisacce.

LA RETE - “Ci stiamo muovendo per far fronte alle numerose richieste di tutela che ci arrivano da tutta Italia – dice Emanuela Astolfi, presidente di Avvocato del Cittadino – attraverso una rete di collaboratori che, in maniera volontaria e gratuita hanno deciso di partecipare alla nostra ‘missione sociale’, stiamo facendo il possibile per rispondere alle esigenze dei tanti cittadini di fuori Roma che quotidianamente si mettono in contatto con noi. Speriamo presto di aprire delle sedi locali con anche con consulenti notarili, architetti, ingegneri e commercialisti, come a Roma. Per il momento, offriremo solo consulenze legali”.

COME FUNZIONA – “Tutti i cittadini di Cosenza, Castrovillari e Trebisacce potranno usufruire della consulenza legale diventando soci della nostra associazione o de Il Cittadino, l’ente che, in collaborazione con noi, nella capitale offre specifica tutela a consumatori e utenti” – spiega Astolfi. Ecco come funziona: si contatta l’associazione attraverso il sito www.avvocatodelcittadino.com (nell’apposita sezione iscriviti on line) o tramite il numero unico nazionale 06.45433408 o la mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e si richiede di ricevere il modulo di iscrizione e l’iban per il versamento della quota sociale di 20,00 Euro. Una volta iscritto, il socio, potrà usufruire per un intero anno di consulenze legali gratuite, fornite dai nostri collaboratori sul posto, nelle seguenti materie: diritto di famiglia, diritto del lavoro, condominio, locazioni, tributario, multe, bollette e diritto dei consumatori.

“Speriamo di arrivare presto in altre città della Calabria – conclude Astolfi – intanto il progetto è quello di coprire in un anno, massimo due, tutte le regioni italiane”